L’unica cosa che mi ricorda la sclerosi multipla è il rito della terapia

Oggi pubblichiamo la storia di Chiara che dopo la diagnosi di sclerosi multipla non si è fermata, ma ha continuato la sua vita senza particolari stravolgimenti. In questo post, però, racconta come a porle davanti il ricordo della SM è solo il fastidioso rito imposto dalla terapia.  Ho 25 anni e sono già trascorsi circa 3 anni dalla diagnosi di sclerosi multipla. Cosa è cambiato in questo tempo passato in sua compagnia? Nulla, davvero nulla. Forse qualcosa di diverso c’è, ossia la scocciatura di aprire quel cofanetto magico in cui…

Favicon of www.giovanioltrelasm.it da : www.giovanioltrelasm.it

Prosegui la lettura...

Sclerosi Multipla News

Potrebbe interessarti anche

Argomenti correlati

Pubblicità

Pubblicità